“Innovazione e / o standard, questo il problema”. Può sembrare un incipit banale, ma è una questione tutt’altro che semplice per ingegneri e specialisti del settore ICT e automotive.  Infatti, il veloce sviluppo delle tecnologie di questi ultimi anni ha posto innovazione e standard agli antipodi, evidenziandone le reciproche influenze negative.

«Fino ad ora, lo standard era necessario per garantire interoperabilità  – dice John Favaro di Intecs, che nell’estate 2018, ha organizzato in collaborazione con Movet il workshop “Taming the tiger” dedicato a quest’argomento.  Oggi, invece, con l’innovazione che corre veloce , la standardizzazione rischia di mettere dei vincoli allo sviluppo». Una novità nel panorama delle tecnica, a cui si aggiungono considerazioni di mercato, Favaro aggiunge: «Ne deriva una situazione nuova, in cui non si riesce a impostare lo standard: se troppo complesso, aumenta i costi e arresta l’innovazione; se troppo basico, non garantisce la sicurezza. E già ci sono stati casi di elettrodomestici hackerati: un esempio che per tenere i costi bassi, le aziende non investono in sicurezza».

Per queste ragioni, Movet ha deciso di dedicare la sua conferenza annuale 2019 a questo tema: “L’innovazione di I4.0: tecnologie abilitanti e standard per il mondo automotive”.

Consulta il Programma della Conferenza
iscriviti

Per il mondo dell’automotive le questioni sono ancora più complesse, legate principalmente alla guida autonoma. In mancanza di uno standard, i grandi gruppi automobilistici si sono già mossi, sviluppando proprie soluzioni per la guida autonoma, e non sono mancati incidenti. Tuttavia il punto che sottolinea Favaro è un altro: «Un tempo l’ingegneria lavorava sul rischio, mentre con la guida autonoma lavoriamo sull’incertezza: come possiamo essere sicuri di avere considerato tutti le situazioni di pericolo per l’auto a guida autonoma? – spiega Favaro -. Come possiamo standardizzare l’incertezza? – e conclude – L’incertezza rende la standardizzazione un problema etico e solo la società può decidere quando quello è risolto».

Luca Della Maggiora